Un unico standard qualitativo

Un unico standard qualitativo

Il nostro obiettivo è quello di offrire medicinali di alta qualità a 7 miliardi di persone. Rendere accessibili i farmaci non significa solo fare in modo che siano disponibili in farmacia.

Si tratta di promuovere e sostenere politiche in grado di rendere il prodotto accessibile, modificare leggi restrittive che ne limitano l'accesso e promuovere uno standard qualitativo globale per tutti i medicinali.

Perché favoriamo queste politiche?
Perché crediamo che debbano essere abbattute le barriere che impediscono a farmaci sicuri, efficaci ed economici di raggiungere ovunque le persone che ne hanno bisogno.

Il nostro impegno per la salute

Promuovere un unico standard qualitativo
La legislazione degli Stati Uniti ha esteso, tramite una serie di leggi ed emendamenti, il raggio d'azione dell'FDA (Food and Drug Administration, l'ente statunitense corrispondente al Ministero della Salute) in modo da garantire il regolare controllo e l'adozione di alti standard qualitativi per tutti i siti produttivi del mondo che riforniscono il mercato farmaceutico statunitense.

Promuovere l'utilizzo del farmaco equivalente
Dal 2002 al 2011, grazie all'utilizzo del farmaco equivalente, negli Stati Uniti sono stati risparmiati oltre mille miliardi di dollari. Nei Paesi in cui l'utilizzo è ancora limitato, abbiamo promosso alcune campagne di sensibilizzazione sul ruolo del farmaco equivalente nel fornire facile accesso al medicinale stesso e alle cure mediche.

Promuovere l'accesso ai farmaci biosimilari
Per biosimilari si intendono gli equivalenti dei farmaci biologici: medicinali molto costosi destinati alla cura di malattie quali sclerosi multipla, artrite reumatoide, diabete e cancro. Grazie alla promozione di un processo di autorizzazione efficace, è possibile arrivare all'interscambiabilità con i medicinali corrispettivi permettendo al paziente di usufruire di farmaci biologici più economici, di alta qualità e riducendo inoltre i costi legati all'assistenza sanitaria.

Promuovere una corretta informazione sull'anafilassi
Le allergie alimentari sono la causa più comune alla base dello shock anafilattico, una reazione allergica potenzialmente letale che richiede il trattamento immediato con adrenalina. Negli Stati Uniti, le allergie alimentari colpiscono 1 bambino su 13. Per questo motivo sosteniamo una campagna a favore della distribuzione di adrenalina autoiniettabile nelle scuole.

Limitare la diffusione di HIV/AIDS
Circa 34 milioni di persone nei Paesi in via di sviluppo sono affette dall'HIV, il virus che causa l'AIDS. Di queste, 28 milioni hanno bisogno di cure ma meno di un quarto le riceve. Sosteniamo lo stanziamento di fondi che si focalizzino su metodi efficaci di trattamento e prevenzione.

ultimo aggiornamento  02/02/2017